MIDA - Milan Image Design Art

BABS Art Gallery

ITALIA / ITALIA
Via Maurizio Gonzaga, 2, 20123, MILANO / MILANO
Tel / Phone: +39 347 9350394
Email: info@babsartgallery.it
Website: https://www.babsartgallery.it/

BABS Art Gallery nasce nell’ottobre 2018 da un'idea di Barbara Lo Bianco, partendo dal concetto ispiratore per cui l’arte sia qualcosa da portare con sé ogni giorno.
L'idea alla base del progetto è di espandere gli orizzonti dell'arte stessa, trasformandola in qualcosa di più accessibile e fruibile rispetto al modo tipico in cui è percepita. L'opera d'arte non è solo qualcosa da guardare e ammirare da lontano, ma piuttosto qualcosa da portare con sé tutto il giorno, perché diventi parte integrante della propria quotidianità.
In questo modo si cerca di abbassare le barriere tipiche del mondo dell’arte, permettendo di avvicinarcisi, avendo quindi la possibilità non solo di toccarla, ma pure di indossarla. Al tempo stesso l’oggetto d’arte acquisisce il vantaggio di poter essere percepito in modi ben diversi rispetto a quelli cui è solito essere contestualizzato, arricchendosi – oltre che del linguaggio artistico del suo creatore – anche della personalità e dello stile di colui che la indossa.
Il lavoro della galleria è incentrato sulla realizzazione di gioielli che siano in realtà piccoli “capolavori da indossare”: pezzi unici o tirature limitate, realizzati in esclusiva da artisti contemporanei selezionati. A loro si chiede di realizzare, nel formato contenuto e personalissimo dell’ornamento da indossare, delle opere d’arte indossabili nelle quali «condensare» il proprio linguaggio artistico.
La stimolante sfida lanciata dalla galleria agli artisti è quella di uscire da una dinamica di ricerca consolidata per sconfinare in un terreno per loro inesplorato come quello del gioiello.
Dopo aver seguito la fase progettale ed esecutiva, BABS elabora insieme agli artisti un progetto espositivo, in cui i gioielli presentati istaurano un dialogo attivo con le sculture, i dipinti o le fotografie per consentire una più chiara visione del lavoro e del percorso dell’artista.
Un ulteriore spazio è riservato anche ai pezzi storici, con alcune delle presenze artistiche più significative del ‘900, che aiutano a comprendere come la maggior parte degli artisti si sia da sempre confrontata con il gioiello d’arte.

BABS Art Gallery nasce nell’ottobre 2018 da un'idea di Barbara Lo Bianco, partendo dal concetto ispiratore per cui l’arte sia qualcosa da portare con sé ogni giorno.
L'idea alla base del progetto è di espandere gli orizzonti dell'arte stessa, trasformandola in qualcosa di più accessibile e fruibile rispetto al modo tipico in cui è percepita. L'opera d'arte non è solo qualcosa da guardare e ammirare da lontano, ma piuttosto qualcosa da portare con sé tutto il giorno, perché diventi parte integrante della propria quotidianità.
In questo modo si cerca di abbassare le barriere tipiche del mondo dell’arte, permettendo di avvicinarcisi, avendo quindi la possibilità non solo di toccarla, ma pure di indossarla. Al tempo stesso l’oggetto d’arte acquisisce il vantaggio di poter essere percepito in modi ben diversi rispetto a quelli cui è solito essere contestualizzato, arricchendosi – oltre che del linguaggio artistico del suo creatore – anche della personalità e dello stile di colui che la indossa.
Il lavoro della galleria è incentrato sulla realizzazione di gioielli che siano in realtà piccoli “capolavori da indossare”: pezzi unici o tirature limitate, realizzati in esclusiva da artisti contemporanei selezionati. A loro si chiede di realizzare, nel formato contenuto e personalissimo dell’ornamento da indossare, delle opere d’arte indossabili nelle quali «condensare» il proprio linguaggio artistico.
La stimolante sfida lanciata dalla galleria agli artisti è quella di uscire da una dinamica di ricerca consolidata per sconfinare in un terreno per loro inesplorato come quello del gioiello.
Dopo aver seguito la fase progettale ed esecutiva, BABS elabora insieme agli artisti un progetto espositivo, in cui i gioielli presentati istaurano un dialogo attivo con le sculture, i dipinti o le fotografie per consentire una più chiara visione del lavoro e del percorso dell’artista.
Un ulteriore spazio è riservato anche ai pezzi storici, con alcune delle presenze artistiche più significative del ‘900, che aiutano a comprendere come la maggior parte degli artisti si sia da sempre confrontata con il gioiello d’arte.