Artist
Galleria Forni

Laurent Chéhère, Le charmeur d'oiseaux / The bird charmer, 2021

stampa Fine Art su d-bond/plexi / Fine Art print on d-bond/plexi
Dimensioni / Size: cm. 120x120
Edizione / Edition: edizione di 5 / edition of 5

"Flying houses"

"Flying houses"


Laurent Chéhère

Francia / France

"Flying houses” (Case volanti) è l'ultimo ciclo di lavori, al quale l'autore si sta dedicando dal 2012.
Edifici apparentemente anonimi vengono trasformati in luoghi pieni di fascino e curiosità, ricchi di dettagli simbolici, metafore e citazioni, sia letterarie che cinematografiche. Elevare al cielo significa trascendere, così le case volanti di Chéhère sono di fatto edifici realmente esistenti nei sobborghi parigini, strappati dal contesto quotidiano per essere elevati a nuova dignità, abitati da un nuovo flusso vitale che li trasforma da semplici contenitori a custodi di segreti e curiosità.

Il ciclo “Flying houses è stato esposto a ParisPhoto 2013, al Phnom Penh Festival in Cambogia nel 2013, al Seoul Lunar Festival 2015 in Corea del Sud, alla Lumière Brothers Gallery di Mosca nel 2015, al National Museum di Bogotá in occasione del Festival della Fotografia nel 2015 in Colombia, al Caumont Art Center di Aix-en-Provence nel 2015, al Fence Festival di New York 2016, al Museo delle civiltà di Marsiglia nel 2017, all'Hudson River Museum di New York nel 2018, alla Commeter, Persiehl & Heine Gallery di Amburgo nel 2018 e al Coral Gables Museum di Miami nel 2019. Il libro “Flying houses” è stato pubblicato in occasione di ParisPhoto 2018 da Kehrer Editions.
La collaborazione con la Galleria Forni inizia nel 2019 e il suo lavoro è stato esposto, oltre che in galleria, anche in occasione di Arte Fiera Bologna, Art Verona, Mia Photo Fair Milano.

Laurent Chéhère was born in 1972 in Paris, where he lives and works.
Laurent Chéhère lives in Menilmontant, a popular district of the French capital, a real Tower of Babel where you can meet the whole world. These working-class neighborhoods are his source of inspiration, his own point of departure and arrival. That’s where he has discovered a passion for travel, for people and stories from around the world. He loves to explore cities, suburbs and countries just as much as exploring the fields of photography, from reportage to conceptual images. “Flying houses” is his last cycle of works. Apparently anonymous buildings are transformed into charming places, full of elements that arouse curiosity, symbolic details, metaphors and quotations, both literary and cinematographic. Chéhère’s “Flying houses” leave the ground and raise to the sky transcending their original nature. Anonymous buildings, actually existing in Parisian suburbs, are torn from their daily context and elevated to new dignity, inhabited by a new vital flow able to transform simple containers into precious coffers of secrets and curiosities.
His work has been exhibited in France and abroad. His collaboration with Galleria Forni started in 2019.