Artist
Galleria Forni

Alessandro Piredda, Canal Grande, Venice, 2020

stampa ai pigmenti Fine Art su carta cotone Hahnemuhle Baryta Satin, su d-bond / Fine Art pigment print on Hahnemuhle Baryta Satin cotton paper on Dibond
Dimensioni / Size: cm.80x120
Edizione / Edition: edizione di 5 / edition of 5


Alessandro Piredda

Italia / Italy

Alessandro Piredda nasce a Riccione nel 1974. Vive e lavora a Misano Adriatico, in provincia di Rimini.
Sono gli studi al liceo artistico e all’Accademia Albe Steiner di Ravenna che favoriscono l’interesse di Alessandro Piredda per l’architettura prima e la fotografia poi. La vicinanza con l’autodromo di Misano fa sì che la passione per la fotografia, unita a quella per i motori si concretizzino nelle prime collaborazioni con diverse testate motociclistico-sportive. Questo avviene durante gli studi al DAMS di Bologna, e proseguirà per diversi anni. L’attenzione per l’architettura, mai sopita, si ripresenta negli ultimi anni. Attualmente concentra le sue ricerche fotografiche in ambito sociale ed artistico.

Il ciclo di scatti “Darkitectures”, presentato con una mostra personale alla Galleria Forni nel dicembre 2018, ritrae alcuni dei monumenti storici dell’architettura italiana, ripresi in notturna ed in bianco e nero. La luce è calda, filtrata dall’oscurità, per rivelare l’anima delle architetture quali testimonianze di civiltà, della storia dell’uomo.
Come afferma l’autore “Usando luce e ombra, oscurità e chiarezza, e il tempo stesso, inteso come strumento di misura dell’uomo, la fotografia ha documentato i flussi delle città e delle civiltà. Queste immagini catturano il tempo fermandolo momentaneamente nella pietra. La memoria volontaria di queste fotografie rappresenta il ricordo della pietra non come sostanza inerte, ma come continuazione dell’impeto vitale delle forme viventi”.

Alessandro Piredda was born in Riccione in 1974. He lives and works in Misano Adriatico, in the province of Rimini, Italy.
Alessandro Piredda attended the Academy of Fine Arts Albe Steiner in Ravenna that fostered his interest in architecture and photography. His interest in photography combined with his passion for motorbikes, generated by the nearby Misano World Circuit, gave birht to his collaboration with several sports magazines, which lasted for several years while attending the DAMS faculty in Bologna. His love for architecture never really faded and has been renewed in these last few years by his research focusing on historical monuments.
With his recent cycle of works named "Darkitectures", presented for the first time at Galleria Forni with a personal exhibition in December 2018, Piredda depicts some of the historical monuments of Italian architecture, shooting in black/white and rigorously at night. Photography has provided proof of the flows of cities and civilizations by the means of light and shadow, darkness and brightness. Piredda's shots capture time, imprisoned by the stone; they reproduce the memory of the stone, which is not conceived as a lifeless matter but rather a continuation of the vital impetus of living forms.