Artista
Galleria Gaburro

Mauro Fiorese, Treasure Rooms del Museo Archeologico Nazionale - Napoli, 2015

Stampa ai pigmenti / Pigment print
Dimensioni / Size: 90 x 120 cm
Edizione / Edition: Edizione di 6 (+2PA) / 2 (+1PA)
Courtesy: Galleria Gaburro, Verona- Milano


Mauro Fiorese

Italia / Italia

Mauro Fiorese è stato autore e docente di fotografia per oltre ventʼanni, ha tenuto corsi presso lʼAccademia di Belle Arti e lʼUniversità degli Studi di Verona, allʼIstituto Europeo di Design di Milano e alla University of Illinois at Urbana-Champaign.

I suoi lavori sono stati premiati ed esposti dal 1996 in U.S.A, Giappone, Canada, ed Europa, in Gallerie private, istituzioni pubbliche, festival e rassegne internazionali inclusa la 54esima Biennale di Venezia.

Le sue opere fanno parte di collezioni private e pubbliche europee ed americane (Museum of Fine Arts di Houston, Texas, Bibliothèque nationale de France di Parigi, Museo di Fotografia Contemporanea di Milano).

Negli Stati Uniti è stato inserito nella TOP 100 World Photographers list dellʼedizione 1997 dellʼErnst Haas/Golden Light Award e, nel 2012, ha esposto presso la George Eastman House di Rochester, (New York) il primo e più importante museo americano dedicato alla Fotografia e al Cinema.

Ha organizzato diversi incontri sulla fotografia dʼautore e ha curato mostre di alcuni tra i più grandi maestri della fotografia contemporanea presso il Centro Internazionale di Fotografia “Scavi Scaligeri” del Comune di Verona.

Il suo progetto U.Pho.S. Unidentified Photographic Subject, è stato incluso nel libro “Dalla Fotografia d’Arte all’Arte della Fotografia” edito da ALINARI 24 Ore ed esposto nel 2014 in occasione della 3a Quadriennale di Düsseldorf.

Nel 2015 due nuovi traguardi: uno scatto del progetto Treasure rooms si aggiudica il primo premio di Codice Mia, assegnato da una giuria internazionale, mentre la Fondazione Domus acquisisce un’opera per volontà di una commissione presieduta da Luca Massimo Barbero.

A gennaio 2016 è stato invitato come Cultural Leader al World Economic Forum di Davos.

Si spegne per una malattia nella sua Verona a soli 46 anni nel dicembre 2016. Sulla sua vita è in lavorazione un docu-film.

Mauro Fiorese was born in 1970 in Verona.

Mauro Fiorese has been an author and professor of photography for over twenty years, lecturing at both the Accademia di Belle Arti and the University in Verona, at IED, the European Institute of Design in Milan, and at the University of Illinois at Urbana-Champaign.

His works are in private and public collections in Europe and America (Museum of Fine Arts in Houston, Texas, Bibliothèque Nationale de France in Paris, Museo di Fotografia Contemporanea in Milan).
His works have received prizes and have been exhibited since 1996 in Europe, Japan, Canada and the US and were shown at the 54th Venice Biennale in 2011. They have also gone under the hammer at Sotheby’s and at many other international auctions.

In the United States he was one the TOP 100 World Photographers in the 1997 edition of the Ernst Haas/Golden Light Award and, in 2012, he exhibited at the George Eastman House in Rochester (New York), the first and most important American museum devoted to photography and cinema.
He has organised a number of meetings on artist-auteur photography and has curated exhibitions of some of the greatest masters of contemporary photography at the Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri of the City of Verona.

His U.Pho.S. Unidentified Photographic Subject project was included in From the Photographic Art to the Art of Photography, published by Alinari 24 Ore and exhibited, in 2014, on the occasion of the 3rd Quadriennale Düsseldorf.
Mauro Fiorese is the 2015 CODICE MIA Award winner with the project Treasure Rooms. The Foundation Domus acquired an artwork by the will of a committee led by Luca Massimo Barbero.

In January 2016 he was invited as Cultural Leader at World Economic Forum of Davos.

He died after a illness in Verora at the age of 46 in December 2016. There’s a documentary about his life in the works.