Artista
Galleria Forni

Mauro Davoli, Still life - Purple cawliflower, 2019

stampa Lambda su carta Fuji su d-bond / Lambda print on Fuji paper, on d-bond
Dimensioni / Size: 30x30
Edizione / Edition: edizione di 5 / edition of 5


Mauro Davoli

Italia / Italy

Mauro Davoli nasce nel 1955, a Fornovo Taro, in provincia di Parma, dove vive e lavora.
Mauro Davoli comincia a fotografare durante gli studi di Architettura presso la facoltà di Ingegneria a Bologna. Dal 1981 si dedica completamente alla fotografia aprendo un proprio studio. Resta legato al mondo del design, dell'architettura e dell'arte collaborando negli anni con studi di design e studi pubblicitari oltre che con note case editrici e riviste di settore.
Negli ultimi anni si dedica principalmente alla propria personale ricerca artistica, che si concentra essenzialmente sul tema della “Natura morta”.
Le sue fotografie sono state esposte in numerose mostre personali e rassegne collettive in Italia e all'estero, oltre ad essere parte di importanti collezioni private. Dal 2017 collabora con la Galleria Forni.

L’indiscussa qualità tecnica combinata ad una elevata sensibilità estetica, fanno degli scatti di Mauro Davoli un’esperienza visiva al limite tra fotografia e pittura.
Il genere che più gli appartiene è quello delle “vanitas”, composizioni floreali oltre che di frutti e ortaggi, combinati talvolta ad oggetti e ad insolite presenze di insetti. Davoli sembra voler ritrarre l’anima dei suoi soggetti e ne vuole sviscerare l’intima individualità, esplorandole oltre la superficie, estraendone la sensualità, i profumi, le forme. Sono oggetti inanimati, eppure sono permeati da una tale luce, calda e romantica, che sembra infondere loro un nuovo soffio vitale, elevandoli a protagonisti assoluti di un’insolita rappresentazione teatrale che sembra voler mettere in scena la loro natura incorporea.

Mauro Davoli was born in 1955 in Fornovo Taro (Parma), Italy, where he lives and works.
Technical quality combined with a high aesthetic sensibility, make the shots of Mauro Davoli a visual experience on the boarderline between photography and painting. "Vanitas" is the genre that he is most passionate of, floral compositions as well as fruits and vegetables, sometimes combined with objects and the unusual presence of insects. Davoli intends to portray the soul of his subjects and wants to investigate their intimate individuality, exploring beyond their surface, extracting their sensuality, perfumes and forms. They are inanimate objects, yet they are permeated by such a warm and romantic light that seems to infuse them with a new vital breath, elevating them to main characters of an unusual theatrical representation that puts on stage their incorporeal nature.