Artista, MIA Fair 2022 @ SCOGLIO DI QUARTO SPAZIO D’ARTE

ANTONELLA SACCONI, Capricci (alla Piranesi), 2019

Stampa Giclée su dibond
Giclée print on dibond
Dimensioni / Size: 40x60 cm (50x70 cm con cornice)
Edizione / Edition: 1/10 + 2 AP

Contattare SCOGLIO DI QUARTO SPAZIO D’ARTE per il prezzo.
Please contact SCOGLIO DI QUARTO SPAZIO D’ARTE for the price.

"Homo Faber"

Il progetto "Homo Faber" della fotografa Antonella Sacconi, si snoda attraverso un percorso di osservazione delle strutture e particolari delle architetture contemporanee sparse nel mondo. La sua formazione classica le permette di trovare "l'antico" in quel "nuovo" che si ciba di quei principi classici e li interiorizza anche là dove sembra rompere ogni schema e apparire disarmonico. L'autrice usa il bianco e nero perché vuole che l'occhio non si concentri sul colore ma sulle linee e sulle strutture. Spoglia i suoi edifici lasciando "solo" le nude forme. Il suo usare, spesso, una figura umana all'interno delle sue architetture, mai in primo piano (a volte resa in silhouette) ma inserita perfettamente nell'opera, equivale a rappresentare l'Uomo nella sua irripetibile accezione di "Homo Faber", artefice e fruitore al contempo di ciò che crea. Queste nude forme dall'aspetto quasi grafico, guardano all'Antico sempre vivo e diventano un filo rosso che ci guida come il filo di Arianna, per non dimenticarci chi siamo e quali sono le nostre radici.

"Homo Faber"

The "Homo Faber" project of the photographer Antonella Sacconi, winds through a path of observation of the structures and details of contemporary architecture scattered throughout the world. Her classical training allows her to find "the ancient" in that "new" that feeds on those classical principles and internalizes them even where it seems to break every pattern and appear disharmonic. The author uses black and white because she wants the eye not to focus on color but on lines and structures. Strip his buildings leaving "only" the bare shapes. His use, often, a human figure within his architecture, never in the foreground (sometimes rendered in silhouette) but perfectly inserted in the work, is equivalent to representing the Man in his unrepeatable meaning of Homo Faber, architect and user at the same time of what he creates. These "Nude Forms" look almost graphic, look at the Ancient always alive and become a red thread that guides us as the thread of Ariadne, not to forget who we are and what are our root.


ANTONELLA SACCONI

ITALIA @ ITALY
https://www.antonellasacconi.it

COLLECTION MIA 2022

Per acquistare l’opera o per ulteriori informazioni potete contattare SCOGLIO DI QUARTO SPAZIO D’ARTE compilando questo form.
If you want to buy or if you are interested in further information please contact SCOGLIO DI QUARTO SPAZIO D’ARTE trough this form.

ENQUIRY FOR

ANTONELLA SACCONI, Capricci (alla Piranesi), 2019








    ArtOnWall


    DESIGN POWERED BY